La Bibbia
 

 

 

 

 

 

 


La Bibbia è l’insieme dei libri ebraici e cristiani che riconoscono la parola di Dio e le sue azioni per la salvezza.

I vari contenuti, la durata e il modo della sua fissazione scritta, la pluralità delle lingue, culture e letterature danno al libro sacro dei cristiani una struttura complessa; e al tempo stesso la Bibbia è una testimonianza vivente e la guida della coscienza religiosa ebraico-cristiana.

E’ opera di molte persone che hanno scritto sotto ispirazione divina, ma il vero autore è Dio. Attraverso di lei si può osservare l’evoluzione della lingua ebraica, dagli antichissimi resti poetici inseriti nei libri storici alla prosa classica dei libri di Samuele alle forme assai più tarde dell’Ecclesiaste.

 

LA STRUTTURA

 

I libri che compongono la Bibbia sono 73 (il loro elenco si chiama “canone”) e sono raggruppati in Antico Testamento e Nuovo Testamento.

L’Antico Testamento è costituito da 46 libri, rappresenta l’unico e principale monumento della letteratura ebraica ed è costituito dalla “Bibbia ebraica” (ovvero tutti i libri ebraici e aramaici che risalgono dal periodo del II millennio a.C. fino agli ultimi secoli a.C. e i Deuterocanonici, cioè libri scritti in greco inseriti solo più tardi nel canone ma non riconosciuti sacri da ebrei e protestanti).

Il Nuovo Testamento è composto di 27 libri redatti prevalentemente in greco ed è stato scritto da testimoni oculari, ovvero da persone che hanno assistito con i propri occhi a ciò che hanno narrato.

 

L’ANTICO TESTAMENTO

 

L’Antico Testamento preannuncia la nascita di Gesù ed è suddiviso principalmente in due parti che, a loro volta, sono composte di altri libri:

Ø      Ø     Il PENTATEUCO o la Legge, comprende:

·        ·        La Genesi che spiega la creazione, il peccato dei personaggi Adamo ed Eva, Abramo e la sua discendenza fino a Giuseppe d’Egitto e il diluvio;

·        ·        L’Esodo che narra dell’intervento divino in favore degli Ebrei in Egitto, le dieci “piaghe”, la prima Pasqua, il passaggio del Mar Rosso sotto la guida di Mosè, le vicende del monte Sinai e l’organizzazione civile e religiosa del popolo, sempre grazie a Mosè;

·        ·        Il Levitino e i Numeri che contengono istruzioni per i riti sacri, regole sulla purità, racconti sulla vita di Israele nel deserto e le varie famiglie e tribù che occupavano il territorio;

·        ·        Il Dauteronomio riprende le leggi e i contenuti dei testi precedenti, sviluppa in senso profondamente etico la teologia dell’Alleanza, basandola sulla fedeltà del popolo e si conclude con la morte di Mosè. 

Ø      Ø     I LIBRI STORICI o Profeti Anteriori sono composti di:

·        ·        Il libro di Giosuè sul successore di Mosè e l’entrata nella terra promessa;

·        ·        Il libro dei Giudici, che si sofferma su due personaggi, in particolare su Sansone e Debora;

·        ·       

Gli Atti degli Apostoli e l’apocalisse sono libri distinti e non sono raggruppati da nessuna parte.

 

 
I due libri di Samuele e i due libri del Re che narrano la storia della monarchia da Saul, Davide e Salomone fino alla distruzione di Gerusalemme e del Tempio da parte di Nabucodonosor (586 a.C.);

·        ·        I due libri delle Cronache o Paralipomeni che raccontano le cronache reali;

·        ·        I libri di Esdra che riportano gli avvenimenti in seguito all’editto di Ciro che restituiva la libertà agli ebrei in Babilonia.

Esistono altre divisioni dell’Antico Testamento che sono i libri Profetici (i quattro maggiori profeti sono: Isaia, Geremia, Ezechiele e Daniele) e i libri Sapienziali.

 

IL NUOVO TESTAMENTO

 

Il Nuovo Testamento tratta dell’infanzia di Gesù, di testimonianze sulla sua vita e delle prime comunità cristiane.

 

I libri che lo compongono sono:

Ø      Ø     i quattro VANGELI (la parola significa “buona novella”) che parlano della vita, delle predicazioni di Gesù. Quelli di Marco, Matteo e Luca sono detti sinottici perché riportano gli stessi argomenti nello stesso ordine mentre quello di Giovanni si differenzia dagli altri, i vangeli di Luca e Matteo si chiamano anche vangeli dell’infanzia siccome parlano dell’infanzia di Gesù;

Ø      Ø     Gli ATTI DEGLI APOSTOLI, scritti da San Luca, che testimoniano la nascita della chiesa, le prime comunità cristiane, la discesa dello spirito santo e la vita degli apostoli Pietro e Paolo;

Ø      Ø     Le LETTERE che sono un gruppo di scritti a carattere teologico, catechetico o esortativo e sono state scritte da Paolo, Pietro, Giacomo, Giuda e Giovanni;

Ø      Ø     L’APOCALISSE che è un libro profetico attribuito ad un Giovanni che non tutti identificano con l’evangelista.

 

Religione
 


Torna a:

 

 

 

 

 

 


HOME PAGE